Divagazioni estive

 

 
Il torrente Nervia scorre verso la foce tra gli alberi sfiorando in tangente Via Gradisca, nella Frazione di Ventimiglia che prende il nome da questo corso d’acqua, visibile solo attraverso una griglia che sbarra il fondo – lato levante – di questa stradina. Tanti, tanti anni addietro, nonostante fosse già passata anche da quelle parti – novembre 1966 – una disastrosa piena, che meriterebbe un capitolo a parte, in quel punto era stato realizzato un notevole accumulo di terra e di ghiaia, accesso per uno sterrato, che diventava presto nulla di più di un sentiero, che terminava su una spiaggia pressoché selvaggia, nelle cui adiacenze spiccava in pratica come costruzione solo il deposito dei locomotori delle Ferrovie.

Per combinazione, mi è stata recapitata di recente una fotografia di famiglia, che non ricordavo, che riprende grosso modo quest’ultimo tratto com’era cinquant’anni fa’. Oltre a me, compaiono il nonno e…

Non doveva passare molto tempo prima che l’assetto di quell’angolo di territorio mutasse radicalmente, soprattutto con l’edificazione di palazzoni che hanno anche elettrizzato a lungo la vita amministrativa di Ventimiglia.
Mi viene sin troppo naturale quest’estate – in quanto mi sono deciso ad approfittare più spesso di spiagge così vicine a casa – pensare a scorci di mare di un tempo. A Bordighera, storicamente dotata di una lunga passeggiata, prolungata a stralci verso ponente solo a partire dagli anni ’70.
Quando ancora adolescente, come settimane addietro rammentavo con un’amica di quella specie di avventura, per le prime volte potei andare al mare senza essere accompagnato da adulti, questo mi capitava a Bordighera, in un punto, accessibile solo attraverso il greto – non ancora cementificato, dunque – del torrente Borghetto, dove una striminzita striscia di sassi si appoggiava alla massicciata della ferrovia.
Poco oltre – in direzione Francia – il centro di Ventimiglia, il maestoso arenile delle Calandre si é nel tempo drasticamente ridotto. Si dice in conseguenza della realizzazione – in particolare più a ponente – di opere a difesa del bastione della linea ferroviaria.

Calandre. Un sito caro a tutti nella città di confine e in prossimità. A tanti villeggianti. Un luogo di memorie, inoltre. Come tale lo segnalo, perché indirettamente mi é stato chiesto. Al pari di qualche altro in zona, forse.

Via Gradisca, ancora. Ci sono stato qualche giorno fa’ con un amico, che vi ha abitato a lungo e che intendeva rivedere con me quel piccolo rione di case di ferrovieri, al quale ha dedicato righe intrise di nostalgia, in ispecie per la pregressa solidarietà popolare, ben presente, come in un precedente post ho messo in evidenza, per Nervia tutta anche a me.

Frammenti di discussione e incontri del frangente, invero, suscettibili di altre, numerose divagazioni, hanno contribuito a portare certe mie riflessioni, infine qui approdate, ad un taglio – spero! – da approccio alla storia del costume e della civiltà materiale.

Così mi sono deciso a rivisitare da solo quella piccola arteria per fare quelle fotografie che non avevo ancora. Non c’é più da poco, come faceva notare la volta precedente A., l’alto traliccio, oggetto – cosa che E. non ricorda – di spericolate arrampicate di P.  e che io non ero in grado di risalire che per pochi metri. Accadeva sempre d’estate. Come per altri episodi da “ragazzi della Via Pal” a Bordighera, intorno alla Zona Bigarella, con me sempre più da spettatore che da protagonista. Ero già tenuto, probabilmente, a quell’alone di sicurezza con cui le famiglie oggi – per oggettiva necessità – circondano i bambini, aspetto che mi sottolineava giusto due sere fa’, proprio qui a Bordighera, una compagna di alcuni di quei lontani giochi in periferia della Città delle Palme…

Divagazioni estiveultima modifica: 2013-07-21T12:04:29+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento