Capita…

 

 

Capita – anzi, mi era già capitato in occasione di un certo mio mio post – che per la Festa di S. Ampelio, anche momento di famiglia per me, nel Paese Alto di Bordighera, sotto l’imponente sorveglianza del campanile della Parrocchia della Maddalena, dalla medesima ben separato, perché già torre d’avvistamento, mi si vadano – mi si andavano – ad annodare fili vecchi e nuovi di storie che per inveterata abitudine vado a raccontare soprattutto a me stesso.

 
Emerge – emergeva – una volta di più Borghetto San Nicolò, ma si sono deciso ora a mostrare un altro bastione, ben adibito ad abitazione, della finitima Vallebona, incantevole borgo cui altre volte ho solo accennato – e il campanile della Chiesa di San Lorenzo -, tanto per variare immagini, quanto per una certa connessione con la serie dei “capita”, variante, se si vuole, del già da me sfruttato “fuori sacco“.

 
Non era proprio soleggiata così, come in questa fotografia, giorni addietro, la nuova passeggiata a mare tra Bordighera e Vallecrosia. Se si fosse avverata l’incombente minaccia di pioggia, non ci sarei probabilmente passato e non avrei ritrovato, quasi a continuare un discorso iniziato qualche giorno prima a Vallebona, un amico forse anche più curioso di me circa tante vicende locali.
Nel nostro girovagare oltre questo punto, una domanda non proprio banale fatta da passanti circa il Gramondo – cima in alto a destra nel soprastante scatto -, rivolta a noi perché – come emerso nel mezzo dell’episodio in parola – il mio interlocutore era dotato di uno zainetto, mi portava a rivedere l’unica compagna di scuola delle elementari mai più incontrata nel corso di tutti questi anni.

La signora ha vissuto a lungo a Riva Ligure, di cui ecco la Chiesa di San Maurizio.

E ha lavorato nella confinante Arma di Taggia. Dove io ho compiuto tante puntate professionali, ma senza incrociarla mai. E dove, come su tutta la Riviera dei Fiori, era già esplosa qualche settimana fa’ quell’estate, che adesso é tornata quasi a farsi attendere.
 
Il fatto é che sono stato riconosciuto – e non il contrario! – da S., semplice fruitrice – mi ha detto! – del Web, per via delle fotografie che pubblico, forse proprio quelle di Blogger. 
Capita… appunto! 
Un passatempo, poi, questo mio, che, ad esempio, colto casualmente di recente anche da cari cugini di Milano, mi ha portato ad intrecciare con loro un revival di memorie, sia prossime che lontane geograficamente, che meritano un mio intervento a parte.

 
Questa piazza di Vallecrosia, dove si affaccia una piccola fermata – non più stazione! – ferroviaria, attualmente interessata da non più di due treni per direzione da e per Ventimiglia, lascia scorgere in fondo, al centro, l’ex-Piazza d’Armi di Camporosso Mare, una zona, nel suo complesso, riemersa ieri nella mia memoria per via di un amico che pure da poco mi aveva dato notizie di S., notizie che mi hanno consentito di vivacizzare la conversazione con lei. 
Una zona, che spesso agisce sotto traccia nelle trame dei miei post. 
Una zona dove l’altro giorno ho incontrato chi per caso mi ha parlato di Perinaldo, dimostrando l’entusiasmo della persona semplice che introduce qualche elemento di fantasia nella rivisitazione della storia della sua località natale.

 
Ma di Perinaldo – qui sopra la Chiesa Parrocchiale del paese – é abbastanza ferrato, per sue frequentazioni, il mio compagno di ieri che incidentalmente mi ha fatto notare che qualche elemento… creativo l’ho introdotto io nel riprendere da Gianfranco Raimondo – che continua a scrivere interessanti aneddoti su persone di Ventimiglia, aspetto che dovrò pur ricominciare ad affrontare prima o poi – episodi di ciclisti indipendenti d’antan. C’era a correre in anni lontani, infatti, anche un Croesi di Pigna, come indicato, appunto, correttamente all’inizio da Gianfranco, fatto, poi, convinto, come me, da certi commenti che si dovesse intendere il Croesi di Perinaldo. Ci sono stati due Croesi della nostra zona, più o meno nello stesso periodo, bravi e onesti pedalatori, insomma: ma questo a Gianfranco devo ancora comunicarlo…
 
Capita…
Capita…ultima modifica: 2013-05-31T20:20:17+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento