A Villaregia

 

La Torre antiturchesca – di metà secolo XVI, retaggio della Repubblica di Genova – a Riva Ligure, cittadina sita sul mare più o meno a metà della provincia di Imperia, é l’immagine che più mi é rimasta impressa di quando, tanto tempo fa’, ero molto assiduo di quel borgo.

 
Se non ricordo male sorgeva alquanto isolata e a levante non c’era ancora questa piazza, quantomeno nell’attuale larga sistemazione.
 

 
 
 
In effetti, questa immagine di repertorio consentirebbe qualche paragone con il passato. 

E solleciterebbe a parlare della storia di questo paese, il cui territorio presenta singolarità già di epoca pre-romana. E in periodo imperiale sorse un’importante stazione di posta (di Capo Don), su cui in età bizantina si sovrapposero altri insediamenti.  Reperti che conto di mettere in evidenza in altra occasione. La stessa cifra che vorrei seguire per l’epoca medievale che vide un insediamento benedettino con un monastero nella finitima Santo Stefano al Mare, detto di Villaregia, un nome che ha inciso ancor più sui destini di Riva Ligure. E per la Podesteria Genovese di Santo Stefano al Mare, che comprendeva anche l’attuale villaggio di Terzorio, sù in collina.

Di Santo Stefano al Mare ecco una torre di difesa, oggi sede del locale Municipio, di rilievo anche per la rara forma ennagonale. Ed il sistema di difesa dalle scorrerie barbaresche, eretto nel Ponente Ligure dalla Repubblica di Genova, a spese e con il lavoro forzato dei suoi più umili sudditi del posto, rappresenta una vicenda meritevole di analisi.

Con questa fotografia – in primo piano Santo Stefano al Mare – si può misurare la distanza da Riva Ligure (dietro la palma). Spiagge e scogli sono affollati in questi giorni di incipiente estate, così come i mercatini dei fine settimana. Le due cittadine sono state sotto il fascismo, per le politiche di accorpamento del regime, un unico comune. Hanno avuto, a metà anni ’60, lo stesso destino di essere oggetti di grande speculazione edilizia, forse un po’ razionalizzata negli ultimi anni: altro capitolo a parte, specie per un’eventuale documentazione di immagini. La stazione ferroviaria, prima dello spostamento a monte della linea, era posta a metà tra i due centri.

E dove passavano i binari oggi – come per tutta la tratta da San Lorenzo al Mare a Ospedaletti, località, quest’ultima, dove si nota ancora qualche interruzione in direzione di Sanremo – si può usufruire di una lunga e panoramica pista ciclo-pedonale.

Ho desistito, fatta salva qualche digressione, in questo post da mie solite insistenze su storia antica e monumenti, su cui, ripeto, potrò sempre tornare, ma pure di ricordi personali, anche perché mi é sembrato giusto dare rilievo – spero che tale effetto abbia questa conclusione – alla stele – abbastanza recente – di Riva Ligure, dedicata alla memoria dei prigionieri austro-ungarici e dei profughi veneti della Grande Guerra, in quanto significativa di pietà umana, di amore per la pace e di senso civile.
A Villaregiaultima modifica: 2013-05-15T19:54:00+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento