Insistendo con le cartoline d’antan

 

 
Facendo seguito ad un mio recente post, posso affermare di avere ritrovato, significativa sul piano della cultura materiale, un’altra cartolina di Torino, più precisamente di Superga, con la tranvia che lascia respirare aria d’antan, continuazione virtuale – come leggo nel Web – di un trenino a funicolare inaugurato nel 1884.

Insistendo su immagini “viaggiate”, ne presento una di Boves, proprio spedita da me a metà anni ’70, per un sintetico pensiero dedicato ad una  Città Martire della Resistenza, con il che mi trattengo, in questa occasione, da riferire aneddoti a me colà capitati.
La cartolina di Sarajevo, spedita a mia nonna materna da care ed affabili persone, a prescindere dal fatto che i saluti ivi contenuti allargassero alquanto il concetto di Slovenia, zona d’origine di quel lato della mia famiglia, riporta, dopo tanti anni, tristemente con il pensiero alle ultime criminali guerre dei Balcani.
Con la spiaggia di Ventimiglia, che oggi presenta in quel punto – prossimo a dove ho anche abitato – alcune rotonde, chiudo il mio breve argomentare con l’auspicio di una prossima, serena estate.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Insistendo con le cartoline d’antanultima modifica: 2013-05-09T12:56:21+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento