Pensando alla Battaglia di Fiori

 

 

Mi induce a entrare sul tema Battaglia di Fiori di Ventimiglia (IM), su cui mi ero sinora trattenuto, perché non sono competente, ma solo semplice appassionato e discontinuo spettatore, una recente notarella su Facebook dell’amico Gianfranco Raimondo, che, una volta tornato dalla vacanza nelle Filippine, ha dato avvio alla preannunciata serie di memorie locali, vieppiù sollecitate da altri suoi corrispondenti. 

 

Gianfranco é stato carrista e da spettatore non hai mai perso un’edizione – quelle del dopoguerra – della Battaglia. 

 

In un’occasione, nel 1961, fu anche – per il solito, ricorrente discorso di carenze finanziarie – il presentatore ufficiale dell’iniziativa, che in quegli anni poteva contare, per fattori di simpatia o di amicizia, su collaboratori e ospiti di grande richiamo, tra cui vado adesso a evidenziare solo Cary Grant e Walter Chiari. A Gianfranco nell’occasione toccò in sorte di avere come collaboratrice Elke Sommer, attrice all’epoca molto famosa. E di fare i classici salti mortali per sopperire ad un’esigenza sollevata dal segretario – in seguito mio caro, indimenticabile amico – del Comitato Organizzatore, che lo aveva pregato di tirare in lungo con considerazioni varie quanto comunicava per altoparlanti al pubblico assiepato, per consentire l’ingresso sul corso di sfilata di un carro in ritardo per pregressa avaria.

 

Non mi é facile tirare le fila di questo argomento, la Battaglia di Fiori, neppure consultando alcune fonti scritte, perché sono troppi gli aspetti singolari che emergono. 

 

Tento qualche sintesi. 

 

Già in pieno sviluppo negli anni ’30 del secolo scorso, la Battaglia, interrotta nella sua sequenza dalla guerra, conobbe in seguito il massimo fulgore sino alla forzata interruzione nel 1969, a causa soprattutto del pesante costo dei garofani, componente essenziale dell’addobbo dei carri e sino ad una certa data reperibili gratuitamente allo stadio della loro ultima fioritura (se ricordo bene, la cosiddetta terza), in quanto ancora ampiamente diffusa in zona la loro coltivazione. Per molte persone si tratta del periodo dei carri più belli e imponenti: anzi, diversi vennero messi fuori concorso, perché eccedenti le misure limite, stabilite dal regolamento. 

 

In quella fase i carri, soggetti – come ancora adesso – alla cosiddetta infioratura a mosaico (garofani infissi con chiodi molto lunghi) -, quasi completa sino ad abbracciare le fiancate dei carri, con l’esclusione di minime percentuali di semprevivi, in genere per i volti delle raffigurazioni – , avevano una base di muschio, stretta con rete metallica su un minimo di supporti metallici sino a formare le sagome, previste dai progetti. Racconti sentiti ancora di recente mi parlano del muschio raccolto nei boschi in funzione di provvista già in inverno, anche da ragazzini. O, nell’esempio di un quartierino di Bordighera, a me caro nell’infanzia per motivi familiari e che diede il nome ad una compagnia molto spesso vincitrice, tutte le vasche da bucato dei giardinetti occupate per giorni a tenere freschi nell’acqua i garofani – migliaia e migliaia! – necessari per il carro di quel gruppo.

 

Tornando alla storia della manifestazione, aggiungo che la medesima venne ripresa, con contributi pubblici ormai sostanziosi, negli anni ’80 e che, dopo breve interruzione a due anni dalla ripresa, si svolge tuttora, magari incappando come l’anno scorso per le solite difficoltà finanziarie nel dover effettuare un’edizione striminzita, vale a dire con carri mini.

 

Dovrei aggiungere delle origini della Battaglia. Degli antichi riferimenti all’economia locale. Del lancio – gratuito – dei garofani dai carri al pubblico e viceversa, lancio che diede il nome all’appuntamento. Della passione popolare, ancora cospicua, ma una volta degna del Palio di Siena. Dei conseguenti aneddoti che la circondano. Della sua grande risonanza fuori zona degli anni ’50 e ’60. Dei balli popolari a coronamento delle premiazioni dei carri, quelli nel Mercato Coperto (dei Fiori, appunto, una volta) prima delle ultime ristrutturazioni. Delle inevitabili, vive memorie di carattere personale. Del fatto che oggi la cosiddetta anima dei carri é in polistirolo e che si é abbastanza ridotta la superficie ricoperta a garofani, quelli ormai pagati cari e importati. Che con la progressiva scomparsa di spazi utili i capannoni dove costruire i carri non vengono più eretti in modo disseminato sul territorio, ma sono raggruppati in pochi siti, per cui é andata di fatto fuorigioco la copertura d’antan di certi segreti professionali. Che ci sono in archivi, gelosamente custoditi, ma anche in circolazione sul Web, tante immagini: io stesso mi sono ritrovato in casa fotografie che non pensavo di avere. E tanto altro ancora…

 

Ma un semplice scatto, anche a colori, non come quello messo all’inizio di questo post, che riprende un carro nel giugno – stagione tradizionale per la Battaglia – del 1967 all’uscita dalla sua postazione, non rende giustizia ai soggetti centrali di un evento ancora molto unico e originale.
Pensando alla Battaglia di Fioriultima modifica: 2013-02-20T18:39:53+01:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento