Sul Barbaira

 

 

 

 

 

 

 

Ancora da adolescente, perché, per ormai perse ragioni, anche le tante mie scampagnate in bicicletta lungo la Val Nervia non ebbero mai una deviazione verso quel borgo, Rocchetta Nervina (IM), situata nella laterale del rio Barbaira – poco sopra Dolceacqua -, rappresentava per me un arcano mistero, nonostante la conoscenza di tante persone del luogo.

 

 

 

 

 

 

Alle piccole cose spesso si ritorna. Infatti. Chiedevo ieri sera al mio amico, autore del sito Cultura Barocca, qualche delucidazione su un affresco del locale Oratorio. Ho avuto conferma che tramanda un importante episodio di storia medievale di Rocchetta Nervina. La conversazione, come quasi sempre accade,  scivola sullo scambio di qualche aneddoto. A me, per associazione di idee, allora torna in mente che mi sono avvicinato a quel borgo per la prima volta in occasione del primo personale esperimento di viaggio in motorino: senonché, ormai vicino a quell’abitato, rimasi in panne, da cui non avrei proprio saputo trarmi, se l’autista – pietoso – dell’autobus, lì vicino parcheggiato, non mi avesse spiegato che avevo inavvertitamente interrotto… l’alimentazione dell’olio.

 

 

 

 

 

 

Già vedendo questa porta, che nella mia memoria era quella anni fa di una stalla, mi é riaffiorato alla mente un aspetto di pregressa civiltà materiale. La mia famiglia si rifornì a lungo da un contadino del luogo di un delizioso olio d’oliva. Ed anche, per un primo periodo, di legna da ardere, perché quelli erano i tempi. Solo che, ancora alla svolta degli anni ’60 del secolo scorso, prima di dotarsi di furgoncino, quel signore, con cui poi tante volte scambiai saluti e impressioni in paese, faceva i suoi trasporti con un carretto trainato da un mulo.

 

 

 

 

 

 

Uno scorcio della Chiesa Parrocchiale e di una piazzetta mi riportano alla storia di Rocchetta Nervina. E al   pallone elastico, sport tipico – se non erro – del Basso Piemonte e delle Valli dell’Imperiese, di cui spesso avevo sentito parlare con toni da saga arcaica, ma che là avevo visto infine praticare se non altro a titolo amatoriale.

 

E sul torrente Barbaira ci sono a monte altri ponti antichi, come quello di Pau’, dove inizia il tratto consigliato di canyoning, attività che infine ha preso piede da quelle parti. 

 

Ma questo é solo un accenno di un discorso che merita a mio avviso di essere ripreso, perché, tra angoli di natura circostante e tipico abitato medievale, Rocchetta Nervina, al netto di sempre opinabili ricordi personali, presenta molte altre cose di cui scrivere.
Sul Barbairaultima modifica: 2012-06-28T11:33:55+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento