Perinaldo o dell’entroterra intemelio

Perinaldo mi pare emblematico di tante vicende che riguardano centri dell’entroterra della Riviera dei Fiori, la parte più occidentale della provincia di Imperia, meglio ancora della zona intemelia, la quale sulla costa si allarga da Bordighera al confine con la Francia.. Forse é un’impressione molto soggettiva, dovuta a miei repentini ritorni di memoria.
Trame risalenti al Medio Evo sono molto comuni man mano che ci si allontana dal litorale della Riviera dei Fiori. E Perinaldo rientra in pieno in questo schema. Avvicinandosi ai giorni nostri, spiccano nel mio vissuto, anche grazie a cose udite nel tempo da abitanti del posto, cooperazione sociale, intenso commercio di legname ai primi del secolo scorso, suonatori d’antan, antifascismo, notevole emigrazione nella vicina Francia (con persone che non vollero perdere la cittadinanza nel borgo, cui tornavano puntualmente per le elezioni e al culmine dell’estate, quando rendevano caratteristiche le conversazioni all’ombra dei platani o assistendo alle sagre popolari), squisito olio d’oliva, altre leccornie, cui si aggiunge oggi l’attenzione prestata a un particolare tipo di carciofo, la coltivazione dei fiori, specie, anni fa, gran belle rose. E tanto altro ancora, tra cui un soggiorno di Napoleone.
Tante storie da raccontare, allora. Meglio selezionare, se l’ispirazione assiste, e renderne, in prosieguo, conto, una alla volta.

Perinaldo o dell’entroterra intemelioultima modifica: 2012-06-10T10:35:15+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento