Al posto della lacrima

I

Hugo Ania Mercier: io ti amavo

amavo quel corpo di uomo agonizzante

che irradiava dolor come un diamante,

il tuo passo che insiste tuttavia,

la tua lingua – garofano d’ironia –

che cela ancora la sua sete silente e punzecchiante;

la tua mano, nervosa, azzurra, da amante

la cui notte del tempo è sempre mia;

il tuo verso che piange anche se canta,

il tuo mucchio di ossa, insultante,

la tua anima fredda e claudicante

che ha composto la morte in un istante:

cosa potrò mai dire loro, per riscattarti

di quel augusta verità che ti avvolgeva?

II

Tra i libri ti guardo, inaridito,

luminoso mio animale, mio demente,

la tua voce che è viva eppur assente,

mio giocattolo rotto, mio balocco.

Nella pace silente delle tombe

senza voler fuggire dalla tua fronte,

intontita d’amore ma impotente,

ti ho lasciato ancora tra le bestie.

Ahi, mio bimbo di stoffa, fiore oscuro,

nemmeno una preghiera, un paternostro.

Ahi, tenerezza che il buio sempre strappa,

se tu avevi la luce del portento,

perché tornare al seme primigenio,

perché ammazzare la colomba bianca?

III

Ci si vede – m’hai detto – e il tuo messaggio

di poeta infelice, stupido profondo,

mi condanna a cercare in altro mondo

quel sogno rimasto fermo a ieri.

Fu un incontro finale o fu un aroma

quel che continua a rovistare nel mio ventre?

Quel pizzico di fede in cui mi impregni;

fu, fratello di ogni cosa, una tua beffa?

Già non ti affligge la fistola tremenda,

già non patisci psoriasi, enfisema

né neurosi né polio né agonia.

Già sei lontano, memoria, no, impossibile,

sei finalmente sano in gloria del poema.

Hugo Ania Mercier: perchè ti amo.

Carilda Oliver Labra – Matanzas – Cuba – 6 luglio 1922

Al posto della lacrimaultima modifica: 2012-05-13T13:22:02+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento