Verso Nizza

Villefranche-sur-Mer, di cui qui ho fatto vedere un’antica stampa.
 
Non che passando in auto sulla Moyenne Corniche si possa notare proprio così bene, ma di sicuro si scorge per intero la punta di Cap-Ferrat. Per chi andava di fretta a Nizza tanti anni fa – capitava spesso anche a me – prima del completamento dell’autostrada quello era il tragitto più abituale. E si cominciava a pensare di essere quasi arrivati.
 
 
La vecchia fortezza fatta erigere dai Duchi di Savoia, che i francesi chiamano Cittadella, occorre proprio avvicinarla. Anche sulla Basse Corniche (o Bord de la Mer), se non ci si ferma, non risulta molto fungibile.
 
 
Dopo poco si comincia a intravvedere Nizza.
 
 
Questa una parte della discesa di quel tragitto verso il capoluogo della Costa Azzurra.
Per noi di questa zona di ex-frontiera questa strada, anche negli altri tratti, é foriera di tanti ricordi, soprattutto curiosi. Ma non é su questo che mi viene ora da soffermarmi.
Gli ultimi due scorci sono stati fotografati sotto l’egida di un cartello che indica Belvedere. Il fatto é che ormai tutto é recintato. Trovare gli angoli visuali migliori comporta fare qualche acrobazia. Anche in precedenza. Per non parlare poi dell’Italia, per lo meno della costa della provincia di Imperia, dove, tuttavia, viene risparmiata in genere la presa in giro di quell’accattivante promessa.
 
 
E gli abitanti di quelle case là sopra potranno pure godersi una bella vista di Nizza, ma rumore e gas di scarico delle automobili ce li hanno garantiti ad oltranza!
 
 
Verso Nizzaultima modifica: 2012-04-30T23:00:00+02:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento