Note a “Il Corsaro Nero” di Salgari

 

 

 

Fotografia: Wikipedia
Questa immagine compare nell’edizione particolare de “Il Corsaro Nero” uscita tanti anni fa. Si tratta, infatti,  di una edizione integrale annotata.
 
Fotografia: Wikipedia
C’é anche questa.
Fotografia: Wikipedia
C’é anche il famoso Morgan.
Fotografia: Wikipedia

 Le stampe originali sono parte integrante di “De Americaensche Zee-Roovers“, uscita ad Amsterdam nel 1678. Di Alexandre Olivier Exquemelin (scritto anche Esquemeling, Exquemeling, o Oexmelin). Credo si tratti di pagine dell’opera originale custodita alla Libreria del Congresso Americano. Che riporta la dicitura abituale di questo lavoro in “The Buccaneers of America“, una delle due traduzioni in inglese uscite nel 1684. E’ un libro molto imitato e ispiratore di tanta narrativa. A quella derivata, più precisamente all'”Histoirie illustrée des pirates, corsaires, flibustiers, boucaniers, forbans, négriers et ecumeurs dans tous les temps e dan tous le pays” di Jules Trousset, tradotta in Italia da Sonzogno tra il 1879 e il 1881, ha attinto il nostro Emilio Salgari per il già citato romanzo che ha segnato uno dei suoi cicli più famosi. Altre notizie sui filibustieri – e sulle Americhe – Salgari trovò anche sul “Costume antico e moderno” di Giulio Ferrario (1817-1834) e nella “Storia dell’America” di Giuseppe Compagnoni del 1822.

 
Fotografia: www.aemma.org
Fotografia: www.aemma.org
L’edizione, da cui sono partito per stendere questi brevi appunti, é anche dotata di illustrazioni riprese da “L’Arte di ben Maneggiare La Spada“, di Francesco Alfieri, del 1653.
Fotografia: Wikipedia
Ma anche dalla “Storia generale delle Antille abitate dai francesi” (1667-1671. 4 tomi) di  Jean-Baptiste Du Tertre.
 
Sulla flora, sulla fauna, gli usi e i costumi indigeni dell’America tropicale, Salgari raccolse, invece, molte informazioni nelle edizioni italiane dei due principali periodici di viaggio dell’Ottocento, “Il giro del mondo” e il “Giornale illustrato dei viaggi e delle avventure“, dove venivano pubblicati a puntate vari reportage. Si avvalse, in più, di due volumi di Louis-Guillaume Figuier pubblicati da Treves rispettivamente nel 1873 e nel 1880, l'”‘Histoire des plantes” e “La vie et les moeurs des animaux“.
Fotografia: italica.rai.it
Questa é la copertina della prima edizione in 16° (del 1901) de “Il Corsaro Nero“, uscito in precedenza in dispense a Genova a partire dall’ottobre 1898.

Fotografia: emiliosalgari.it
Non potevo concludere senza riportare almeno un’immagine che compare sia nell’originale che nella ristampa particolare di cui alla mia premessa, immagine dovuta al bravo Pipein Gamba.
 
Certo che su Salgari, a ben guardare, c’é ancora molto da dire.
Note a “Il Corsaro Nero” di Salgariultima modifica: 2012-02-23T19:38:53+01:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in blog life e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.