Un piccolo ricordo del professore Raffaello Monti

M., finalmente trovato di persona e da me interpellato in proposito del professore Raffaello Monti, mi racconta di un’importante assemblea pubblica sull’obiezione di coscienza, avvenuta a Bordighera nei primi anni ’60 con l’intervento di Aldo Capitini, grande figura di cattolico pacifista. E con un lungo telegramma di Bertrand Russel, dispiaciuto di non poter intervenire. L’iniziativa ebbe luogo nella Chiesa Anglicana della Città delle Palme, allora aperta al culto. Con l’autorizzazione del Vescovo di Malta, da cui dipendeva quel luogo ancora sacro. Il meeting era stato organizzato dall’Unione Culturale Democratica, cui partecipava il professore Monti, artefice, anche in virtù dei suoi profondi legami con Capitini, della sopradetta manifestazione. Di quest’ultimo, di cui ho già parlato, cercavo e cerco ulteriori notizie, perché per un caso straordinario e significativo a seguito di quel mio post sono entrato in contatto telefonico con la figlia, che mi ha esortato a parlare ancora di suo padre, soprattutto in riferimento alla sua frequentazione con Capitini: il che io traduco soprattutto nel sollecitare vecchi amici in Bordighera e dintorni della famiglia Monti a riunire memorie e documenti dell’attività svolta in questa zona, da ultimo anche nel pensare a qualcuno veramente esperto di penna per stendere note importanti in proposito.

Un piccolo ricordo del professore Raffaello Montiultima modifica: 2012-01-12T18:15:00+01:00da amaini
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.